Grimorio o Libro delle Ombre

di Morgana Commenta

grimorio

Uno dei primi passi per muoversi nel mondo della stregoneria è sapere alcune cose basilari. Sapete cos’è il Grimorio? Grimorio è quel libro chiamato anche Libro delle Ombre, nome attribuitogli dal fondatore delle Wicca Gardner, ma comunemente chiamato grimorio dalla stregoneria italiana.

Nel periodo medievale, per chi seguiva il vecchio credo, è nata una polemica su chi avesse tradotto questo testo scritto, centinaia di anni fa dalle streghe. Il problema si pose perché, nel periodo buoi del medioevo chi sapesse leggere o scrivere, poteva finire bruciato al rogo (ricordatevi il film La lettera Scarlatta).

All’interno del Grimorio venivano scritti riti, incantesimi, le erbe da utilizzare per alcuni incantesimi, pietre, cristalli, invocazioni, formule e molto altro ancora. Con il passare dei secoli, e con l’avvento delle wicca, è molto più facile sentire parlare di Libro delle Ombre che di Grimorio, ma il significato è il medesimo.

Questo libro non si trova per negozi, nemmeno quelli specializzati; l’unica fonte di scrittura del libro sono l’esperienze della giovane strega, i suoi incantesimi, formule, che terrà e scriverà sul libro fino a morte avvenuta. Per chi vive la stregoneria in gruppo, in una congrega, il Grimorio va usato insieme, ognuno di loro ci potrà scrivere e leggere.

Per scrivere in esso è indispensabile conoscere l’alfabeto delle streghe, un modo come un altro per rendere il Libro unico e leggibile solo a chi ne conosce la scrittura. Per scriverci si ha bisogno di pennini adatti per la scrittura, che devono essere riempiti da inchiostri particolari, mischiati con erbe.

Questo per ora è quello che si deve sapere sul Grimorio o Libro delle Ombre. Che i quattro elementi vi siano sempre vicini, che il Demiurgo vegli su di voi, che la misteriosa notte vi porti consiglio sotto la magia astuta della luna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>