Incantesimi con le candele – parte 1

di Marina Commenta

candle3

L’uomo è sempre stato affascinato dal fuoco, soprattutto dalle fiamme, fin da quando l’ha scoperto. Oltre a vincere l’oscurità e le tenebre per le tribù primitive era associato agli dei e danzandovi attorno gli indigeni pensavano di poter raggiungere gli spiriti invisibili.

L’associazione fu fatta a causa di Prometeo che, secondo la leggenda, lo rubò proprio agli Dei per darlo agli uomini, ma il furto della sacra fiamma gli costò molto.

A distanza di tutto questo tempo esistono ancora religioni che associano al fuoco l’idea del divino e utilizzano le candele nelle loro cerimonie: cristianesimo, induismo ed ebraismo.

La candela è simbolo di purificazione e sacrificio, oltre che di mutamento e il fuoco è stato a lungo uno strumento utilizzato nella pratica della magia.

Le candele vengono bruciate nei riti magici nei colori più diversi, abbinate a delle misteriose caratteristiche, affinché ai vivi vengano esauditi i più segreti desideri.

Le cerimonie a lume di candela sono molto semplici da realizzare e richiedono pochissima attrezzatura. Secondo la sacerdotessa wiccana Selena Fox, bisogna solo stare attenti a scegliere la candela del colore corrispondente a ciò che desideriamo ottenere.

Ad ogni colore poi è abbinata una frase che va ripetuta per cinque minuti mentre la candela brucia e prima che la fiamma si spenga si deve ringraziare per concludere il rito.

Il rito va celebrato in un luogo appartato dove le candele possano bruciare tranquillamente senza essere spente o rappresentare un pericolo.

La procedura in sé non è difficilissima: si apre recitando la formula “Candela sacra, fiamma sacra, la mia magia consacra“, per tre volte, poi si ripete per cinque minuti la frase abbinata al colore e infine si conclude ringraziando.

I mistici affermano che il potere magico delle candele è più forte se vengono fatte bruciare durante il plenilunio e molti prima di iniziare il rito si purificano facendo il bagno e bruciando incenso per intensificare l’atmosfera.

Per le frasi associate ai colori si rimanda alla parte 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>