Il nuovo giorno

di Anna Fraddosio Commenta

dolce-risveglio (600 x 600)Capita a tutti di avere un periodo no, dove tutto va male, dove si è sempre molto nervosi, e si avverte un forte energia negativa dentro di noi che non ci fa vivere e stare bene, in tal caso, se non si hanno altri metodi per rilassarsi, potrete farvi aiutare dagli spiriti elementari, chiedere aiuto per farvi calmare e farvi tornare all’equilibrio.

Il rituale che andrete ad eseguire è stato creato da un’antica sacerdotessa, e potrete eseguirlo sia all’interno che all’esterno, quello che vi occorre:

Una bussola
Sale grosso o terra
Una candela bianca
Incenso (quello che preferite)
Una coppa d’acqua fresca e pulita

Procedimento

Il rituale consisteste sostanzialmente nel ripetere più e più volte, sottoforma di canto lento e basso, come una litania, un’invocazione agli elementi; aiutandovi con la bussola quindi, individuate i punti cardinali, e partendo Est accendete l’incenso, voltatevi di seguito verso Sud accendendo la candela bianca, giratevi ancora verso Ovest posando la coppa d’acqua, e ancora verso Nord mettendo un pugno di terra o di sale grosso, infine rivolgetevi di nuovo ad Est, da dove siete partiti e incominciate il canto:

“Vengo ad Est
e chiedo al vento di sgombrare il campo di preconcetti e ragionamenti fangosi.
Dal punto dove sorge il sole,
e dove ha inizio il nuovo giorno
io cerco saggezza e calma”.

Voltatevi ora a Sud e dite:

“Vengo a Sud
e chiedo al fuoco e alla piena luce del mezzogiorno
di darmi coraggio ed energia per affrontare gli ostacoli.
Che brucino in me tutte le rabbie e le piccolezze del mio spirito.
Io cerco protezione e la forza di fare sempre quello che devo”.

Volgetevi ad Ovest e cantate:

“Vengo a Ovest
e chiedo alle acque di lavare via da me la frenesia delle preoccupazioni.
Io cerco sensibilità e quiete nel flusso delle mie lunghe giornate”.

Voltatevi infine a Nord e recitate:

“Vengo a Nord
e chiedo alla terra e alle pietre la saggezza, la stabilità e la resistenza dello spirito.
Assorbite da me tutta la pesantezza eccessiva.
Io cerco la crescita, la quieta e la forza che la terra può darmi”.

Mettetevi ora al centro, circondata quindi dagli elementi e recitate:

“Vengo al Centro
cercando di non dimenticare che tutte le cose hanno fonte dall’universo, e che all’universo dovranno tornare.
Io vengo qui a cercare l’equilibrio, vengo a trovare la luce argentea della luna e la luce dorata del sole.
Possa io trovare nella luce del giorno e nel buio della notte sempre la mia strada, camminando con grazia, serenità e speranza.
Cosi debbano sempre avere inizio le mie giornate”.

Il rituale è terminato…ma ricordate…

“Sorridete alla vita, anche quando si hanno mille difficoltà e mille problemi.
Ricordatevi che siamo sulla terra per uno scopo, che abbiamo scelto quello che siamo e quello che abbiamo.
Il nostro compito in tutte le vite che vivremo sarà far evolvere il nostro spirito, ed questo che dobbiamo avere in mente mentre superiamo con sofferenza e con forza tutti gli ostacoli.
Nulla avviene per caso”.

Cit. Daisy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>